Curiosità

Maestro in pensione crea una biblioteca mobile e gira la Basilicata per appassionare i giovani alla lettura

Da ben 15 anni, a bordo della sua Apecar, raggiunge anche i luoghi più sperduti

Si chiama Antonio La Cava questo straordinario personaggio. Vive a Ferrandina, in provincia di Matera ed è un ex maestro in pensione. Sua è la biblioteca mobile, un’iniziativa davvero lodevole.

Che andrebbe imitata, senza dubbio alcuno.

Il buon maestro ha trasformato la sua Apecar in una biblioteca mobile e da ormai 15 anni gira in lungo e largo la Basilicata per diffondere il sapere, l’amore per i libri e per la lettura.

Pensate che il maestro raggiunge persino i luoghi più piccoli e sperduti ed è accolto ovunque con grande entusiasmo e grande affetto.

Quando i bambini vedono apparire la biblioteca mobile, corrono veloci nella sua direzione e si raccolgono intorno ad Antonio curiosi e felici.

La biblioteca mobile del maestro Antonio La Cava

Il maestro apre le vetrine stracolme di libri, i bambini guardano e sfiorano quelle pagine piene di fiabe, di storie avventurose, di racconti di Paesi lontani.

I più grandi, quelli che sanno già leggere, possono scegliere un libro dalla biblioteca mobile e portarlo a casa propria. L’Apecar del maestro Antonio passerà a ritirarlo il mese successivo, potranno leggerlo in tutta tranquillità.

I più piccini chiedono invece informazioni, spiegazioni e il buon maestro è sempre lieto di leggere loro qualcosa, di avvicinarli all’amore per la lettura e per la conoscenza.

Ma la biblioteca mobile non è dedicata solo ai bambini. Il maestro raccoglie anche i vecchi testi delle scuole elementari per regalarli agli anziani.

Molti di loro si sono fermati alle prime classi elementari, ricordiamo che un tempo solo poche famiglie potevano permettersi di mandare i propri figli a scuola.

Grazie alla biblioteca mobile del maestro Antonio, ripercorrono non solo i ricordi della loro fanciullezza, ma imparano qualcosa di nuovo.

Perché non è mai tardi per imparare, è il parere di quest’uomo sensibile e generoso come pochi.

Il maestro Antonio La Cava

E a chi gli chiede se dopo tanti anni di carriera e 15 anni trascorsi a viaggiare su e giù con la sua biblioteca mobile, non si senta almeno un pochino stanco, con un sorriso risponde:

“Chi è maestro, resta maestro per sempre”.

Non solo caro maestro Antonio, ci permetta di aggiungere:
“Chi ha un gran cuore, lo usa tutta la vita”.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close